Arcipelago dell’Oceano Pacifico centro-settentrionale formato da un allineamento di isole su una lunghezza di oltre 3.000 Km con direzione nord-ovest sud-est, ha un’estensione di 16.759 Km quadrati e conta una popolazione di 1.108.000 abitanti.

La parte centrale e settentrionale dell’arcipelago conta una decina di isolette, per la maggior parte punte di vulcani sottomarini, oltre a molti scogli e a qualche atollo corallino.

Nella parte meridionale sono raggruppate le otto isole più importanti, tutte di origine vulcanica: Hawaii è la più estesa e conta i quattro coni tuttora attivi dell’arcipelago (Mauna Kea, Mauna Loa, Hualalai e Kilauea); Maui dominata da due coni estinti, Haleakala e Oahu. Il capoluogo dell’arcipelago è Honolulu, sulla costa meridionale di Oahu, presso l’insenatura di Pearl Harbor dove hanno sede grandiosi impianti aeronavali.

Il clima è mite e salubre. La foresta si alterna alle coltivazioni di canna, ananas, banane, caffè, tabacco, riso, frutti tropicali. Altre importanti risorse sono la pesca, l’allevamento, lo sfruttamento delle foreste e il turismo.

Oltre a varie specie di uccelli, alcuni degli animali a rischio di estinzione sono rappresentati dalle foche monache e da varie specie di balene che migrano alle Hawaii durante l’inverno.

Le isole Hawaiane sono tra le terre emerse più isolate del mondo, distano infatti quasi 4.000 Km sia dalla costa americana sia da Tahiti e oltre 1.000 Km da alcune isole del gruppo Kiribati.

Oltre al clima mite, le maggiori attrazioni sono rappresentate dalla grande varietà culturale e geografica che permette di avere a pochi chilometri di distanza spiagge tropicali e cime perennemente imbiancate. Inoltre, negli ultimi decenni, queste isole sono diventate una meta ideale per i viaggi di nozze degli americani e per coloro che amano giocare a golf, che trova proprio qui alcuni campi più belli del mondo su cui si svolgono appuntamenti di carattere internazionale.

In virtù del loro clima, le isole Hawaii sono visitabili tutto l’anno con una maggiore preferenza per la stagione secca che va da aprile a ottobre durante la quale le piogge risultano essere meno frequenti.

Il principale punto d’arrivo nell’arcipelago è rappresentato dall’aeroporto internazionale di Honolulu, ben collegato soprattutto con la Nuova Zelanda, Los Angeles e l’Australia, dal quale ci si può facilmente imbarcare per raggiungere le altre isole. Data l’esistenza di buoni collegamenti navali, si può visitare l’arcipelago per via mare, mentre per spostarsi sulle isole si possono noleggiare automobili.

La cultura delle Isole Hawaii trova i suoi elementi caratteristici nella Hula, la sinuosa danza delle hawaiane.

Soprattutto a Oahu, Big Island e Maui è possibile vedere, nel raggio di pochi chilometri, modernissimi grattacieli e costruzioni tradizionali, pietanze chic e piatti della cucina etnica, Ferrari fiammeggianti e animali che vivono allo stato brado. Ad Honolulu è possibile trovare molte cucine diverse tra loro che variano dalle bisteccherie dove mangiare ottima carne a un fast-food dove mangiare un hamburger. Oppure è possibile trovare un ristorante hawaiano dove mangiare la cucina locale, simile a quella della Polinesia con abbondante uso di carne, pesce e verdure accompagnate da salse piccanti. Molto conosciute anche per la produzione di frutta tropicale come il cocco e l’ananas dai quali si possono assaporare ottime spremute e succhi di frutta, oltre a birra e liquori.

Le Hawaii presentano numerose possibilità di divertimento. Oltre alle feste locali che si svolgono sulle diverse isole nel corso dell’anno, soprattutto nelle grandi città abbondano locali caratteristici e alla moda, bei ristoranti, grandi cinema e negozi, che offrono la possibilità di trascorrere piacevoli serate. Inoltre offrono la possibilità di praticare il diving, lo snorkelling, la pesca d’altura e soprattutto il surf, che grazie alle imponenti onde del Pacifico trova in queste isole alcuni dei luoghi più amati dagli appassionati.

Tra le attrattive fondamentali dell’arcipelago troviamo Oahu, cuore delle Hawaii, sia perché è la più popolosa, sia perchè su di essa si trova la capitale Honolulu. Nell’isola si trovano i principali centri politici, economici, finanziari e di comunicazione delle Hawaii. Importante anche per la sua vita notturna, da visitare la Statua del re Kamahameha I, la residenza della Regina Elena e la Chinatown.

Altre celebri località sono rappresentate da Waikiki Beach e Kailua, veri e propri templi del surf e degli sport acquatici; lo splendido Sea Life Park, in cui ogni giorno vengono allestiti spettacoli con delfini e in cui si possono ammirare migliaia di specie di pesci. Nel Golfo di Kaneohene si trovano le cascate di Waimea.

L’Isola di Big Island, la più grande dell’arcipelago, è nota per le sue immersioni in un mare splendido e lunghe passeggiate a cavallo alla scoperta dei vulcani Mauna Kea e Mauna Loa, i maggiori al mondo.

Sull’isola di Maui si può ammirare l’Haleakala, il cratere spento più largo del mondo, oltre a rappresentare la patria del surf.

Per quanto riguarda le altre isole delle Hawaii, meritano una visita l’isola di Kauai, interessante soprattutto per la presenza di spettacolari cascate e di una folta vegetazione; e l’isola di Lanai ad ovest di Maui per l’ingente produzione di ananas.